#Vetrina | 09/06/2022

Chiara Baiardi Morotti

di Roberto Guidi

Le bandiere di Ponte Tresa, Ticino e Svizzera sull’uscio di casa; le foto dei parroci, dei figli, dei nipoti, della pronipote e di un meraviglioso mazzo di 40 rose sulle pareti del salotto. Quaranta, come gli anni che ha passato al servizio della Parrocchia del villaggio malcantonese in qualità di sacrestana.

In marzo è andata in pensione: «A 87 anni ho ritenuto che avessi fatto il mio tempo». La carica l’ha assunta per caso. «Uno dei miei figli aveva vinto la medaglia di bronzo come apprendista di commercio e di ritorno dalla cerimonia eravamo passati a farla vedere all’allora parroco, don Gianpaolo Patelli. Lui si è congratulato con il ragazzo e poi si è rivolto a me: “Devi fare la sacrestana, ne abbiamo bisogno e non trovo nessuno”. Si figuri, mandavo i figli a messa ma io ci andavo poco. Però mi sono fatta convincere. “Una soluzione provvisoria”, mi aveva detto...». Invece è durata appunto quattro decenni. Quando ha smesso, l’attuale parroco don Rafal Sarzynski le ha regalato un mazzo di 40 rose, mentre la comunità parrocchiale ha organizzato un ricevimento…

Leggi tutto l'articolo
sull'edizione del 10.06.2022

Accedi per leggere Abbonati

#Vetrina

#Vetrina
Nolan Queen