Nel distretto

Diario di tre mesi speciali tra disegni foto e testimonianze

di Roberto Guidi

L'emergenza sanitaria al centro di una pubblicazione della Federale Valle del Vedeggio

«Le settimane del lockdown sono state un'esperienza particolare, dura, che segnerà per sempre chi l'ha vissuta. Sarà raccontata alle generazioni future. Per questo motivo, in marzo, avevamo chiesto ai nostri soci di esprimere impressioni ed emozioni attraverso testi, poesie, aforismi, disegni». È uscito una sorta di diario a futura memoria, di cui ci parla Roberto Fovini a nome del comitato della Società federale ginnastica Valle del Vedeggio. «A inizio marzo abbiamo dovuto cessare l'attività in palestra ma, dal momento che la nostra è una grande famiglia, desideravamo mantenere i contatti con i bambini, i ragazzi e gli adulti, far sentir loro la società vicina, presente». Quando Fovini parla di grande famiglia, sbaglia. In realtà è grandissima: 450 atleti e 50 monitori!
«Tutto il materiale ricevuto – rileva dal canto suo il presidente del sodalizio, Venanzio Menghetti – ci ha permesso di constatare che ottimismo e buon umore non sono venuti a mancare. Dall'esperienza potremmo trarre qualche buon insegnamento: il rispetto, per la natura e le persone; la collaborazione fra noi per rendere la nostra vita ancor più piacevole».
L'idea lanciata da Roberto Fovini ha dunque fatto breccia. Sono diversi i soci che hanno raccolto l'invito a esprimere sentimenti legati al coronavirus, cercando, malgrado l'evidente situazione di disagio, di declinare l'emergenza sanitaria con sano ottimismo, positività. Il risultato è una pubblicazione ricca e interessante.
Qualche rammarico, ovviamente, traspare, ed è legato alla cancellazione dell'attività, delle gare. «La nostra società si caratterizza per due aspetti: la passione per la ginnastica e il piacere che proviamo nello stare assieme – riprende Fovini – In questo senso, dover disertare le palestre per tre mesi e mezzo è stato davvero difficile. Abbiamo ricominciato il 15 giugno in piccoli gruppi e si tratta soprattutto di riprendere la condizione fisica più che di allenarsi specificatamente nei diversi esercizi». Anche perché di gare all'orizzonte nemmeno l'ombra. «Il calendario è stato annullato, compresi i campionati svizzeri. In pratica fino a gennaio 2021 non si parla di competizioni. Anche noi abbiamo dovuto rimandare al prossimo anno il Gala del 45.mo».
La pubblicazione è disponibile scrivendo a rfovini@bluewin.ch.

Condividi
su Facebook - su Twitter