#Cultura

Da Greta a Manser, all'Iride pellicole che vogliono cambiare il mondo

Fino al 17 ottobre si svolge in tutta la Svizzera la 16.ma edizione del Festival du film vert

La rassegna desidera contribuire alla presa di coscienza collettiva del bisogno di un cambiamento nei nostri stili di vita. «Le soluzioni sono nelle nostre mani attraverso le decisioni di consumo, il coinvolgimento nelle associazioni... – sottolineano i promotori del festival – Quest'anno il titolo principale è "Generation Greta", documentario sui giovani che si stanno mobilitando per il clima. Speriamo ispiri altri giovani». A Lugano l'appuntamento è venerdì 8 e sabato 9 ottobre al Cinema Iride. Le proiezioni sono organizzate in collaborazione con il Gruppo Ticino di Greenpeace, il Fondo Clima Lugano Sud e Tutto Green.
Venerdì alle 17 si parte con tre cortometraggi dedicati all'agricoltura: «Une terre à nouveau fertile», «Vivantes» e «Les légumes dans le sang». Alle 18.30 ecco il citato «Generation Greta» e alle 20.30 «Kiss the ground», che illustra come si potrebbe invertire il trend del riscaldamento globale. La serata si chiude con l'intervento di Pierluigi Zanchi (municipale di Locarno) sul progetto di agricoltura urbana avviato in riva al Verbano.
Sabato alle 9.30 si parla di informazione, bugie e verità con «Slow News»; alle 14 di stili di vita alternativi al consumismo più spinto con «Amaranto»; alle 16 di salari, prodotti e fabbriche della moda in «Fast Fashion»; alle 18 di alimentazione con «Food for change». La proiezione, alle 20.30, di «Bruno Manser, la voix de la forêt» chiude il festival: documenta il viaggio dell'attivista ed ecologista svizzero nella giungla del Borneo, in Malesia, dove poi resterà per sempre.
Info su festivaldufilmvert.ch; prenotazioni: ticino@greenpeace.ch.

Condividi
su Facebook - su Twitter