Publiredazionale

Il Luganese in autopostale

Vista mozzafiato dal Monte Bar

Natura, cultura, sport per le famiglie come per gli escursionisti, per gli amanti dell'avventura come per i fanatici del relax. Le offerte per il tempo libero nel Luganese non mancano, eppure molti non le conoscono o le considerano difficilmente accessibili. In realtà, si possono raggiungere angoli del nostro territorio davvero sorprendenti grazie alla rete di AutoPostale. Scopriamola in una serie di puntate, cominciando da un classico quanto suggestivo giro al Monte Bar.

La sola vista varrebbe l'escursione. Per raggiungere i 1602 metri della capanna impieghiamo due ore di cammino su un tracciato immerso nella natura poco impegnativo, benché presenti tratti piuttosto ripidi. Una volta a destinazione lo sguardo si perde nella bellezza del paesaggio. Sembra di essere in un altro mondo eppure ci troviamo a due passi da casa. Vediamo Lugano, le Alpi vallesane e bernesi, il Monte Rosa; scorgiamo Milano e gli Appennini. Un vero spettacolo, la degna conclusione di un percorso iniziato di buon mattino.
Dato che in valle i posteggi scarseggiano, abbiamo lasciato per una volta la macchina in garage per prendere l'autopostale da «Tesserete, Stazione» alla volta di «Corticiasca, Paese», uno dei tanti punti d'accesso alla vetta, forse il più facile.
Lungo il tragitto abbiamo potuto ammirare la natura e (ri)scoprire tracce del nostro passato. Ai Barchi di Cozzo e di Monte ci siamo infatti imbattuti in costruzioni tipiche della Val Colla (oggi in parte riattate), nelle quali un tempo si conduceva il bestiame in primavera e in autunno e che hanno dato il nome al Monte. Meritano attenzione anche alcune cantine raffreddate ad acqua, le pietre coppellari di Pian di Sotto e quelle geometriche di Monte.
Dopo la camminata non poteva mancare un momento di ristoro sulla splendida terrazza della Capanna Monte Bar. Sono i prodotti del territorio a farla da padrone. Il servizio del pranzo è garantito dalle 11.30 alle 15, mentre nel corso del pomeriggio sono sempre disponibili una zuppa, piatti freddi e le torte. La cena è alle 19. Sono gradite le riservazioni.
Vi abbiamo convinti? Ecco qualche raccomandazione: ricordate calzature, abbigliamento ed equipaggiamento adeguati; prestate attenzione agli animali al pascolo, nei quali ci si imbatte facilmente durante i mesi estivi, e teniamo i nostri cani al guinzaglio. Non da ultimo, non abbandoniamo i rifuti lungo il percorso.

A proposito di Val Colla

Situata a nord-est di Lugano, la Val Colla è citata nell'Inventario federale dei paesaggi, dei siti e dei monumenti naturali di importanza nazionale oltre a costitu­ire una zona di interesse naturalistico cantonale. Dal Monte Gazzirola segue per circa 10 km il fiume Cassarate; lungo il suo percorso si incontrano i paesi di Bogno, Certara e Cimadera, oltre a Valcolla, istituito nel 1956 dalla fusione dei piccoli comuni di Colla, Insone, Piandera, Scareglia e Signôra.

Tesserete è il luogo di partenza ideale per scoprirla. Con i suoi caratteristici villaggi ubicati su pendii, i suoi boschi di castagni e i sentieri con vari livelli di difficoltà, è un vero paradiso per gli amanti delle passeggiate. Le strade che portano in valle sono strette e ripide, ma si possono percorrere comodamente in autopostale. A bordo della linea Tesserete–Bogno–Maglio di Colla sarà più facile e meno stressante visitare i tranquilli paesini che offrono tantissime possibilità di escursioni. Fermatevi ad esempio a Cozzo (fermata «Cozzo, Paese») dove parte il sentiero verso l'Alpe Pietrarossa e il Parco delle Marmotte: un'escursione di circa quattro ore, adatta a tutti ma che richiede l'equipaggiamento corretto e una camminata sicura. Il capolinea, fermata «Maglio di Colla, Paese», è un buon punto di partenza per le passeggiate verso Piandera e Arla. Maglio di Colla è raggiungibile anche con la linea Tesserete–Maglio di Colla–Sonvico. Proseguendo con questa linea potete raggiungere Cimadera (fermata «Cimadera, Paese») dove parte un'escursione adatta a tutta la famiglia, ma piuttosto intensa, per la Cima di Fojorina. Un secondo itinerario conduce, dopo un'ora di cammino, alla Capanna Pairolo, in prossimità dei Denti della Vecchia. Al momento di rientrare verso Tesserete non dimenticate di fermarvi a Curtina, per vedere uno dei pochi ponti in legno coperti in Ticino, che offre ai pedoni un passaggio bello, oltre che comodo. La prossima settimana AutoPostale ci accompagnerà su alcuni sentieri del Malcantone.

Cosa cambierà da dicembre in Val Colla?

Dal 13 dicembre 2020 il trasporto pubblico in Ticino sarà potenziato. Dalla Val Colla si potranno raggiungere Lugano entro le 6 del mattino e gli altri agglomerati del Cantone entro le 7; alla sera sarà possibile rientrare a domicilio da Lugano fino alle 20/20.30. Saranno inoltre introdotte due linee interessanti: la 462 «Origlio Carnago–Tesserete–Cornaredo–Lugano Centro» migliorerà il collegamento con Lugano Centro via Trevano, Cornaredo e Molino Nuovo. La 440 «Tesserete–Taverne-Torricella FFS–Bedano–Manno Suglio–Lamone-Cadempino FFS» migliorerà invece il collegamento Capriasca–Valle del Vedeggio dal lunedì al venerdì.

Linee e orari per una gita al Monte Bar

Linea: 448 con partenza dalla fermata «Tesserete, Stazione»
Fermata: «Corticiasca, Paese».
Ulteriori proposte per il tempo libero su:
www.autopostale.ch/escursioni.


Condividi
su Facebook - su Twitter