Alpe di Pietrarossa in piena attività

Cominciata il 25 maggio con il carico del bestiame, la stagione si concluderà il 28 settembre a Colla con la Festa della transumanza.

Sulle pendici del Gazzirola, nei pascoli verdeggianti dell'Alpe di Pietarossa è ripresa la stagione alpestre, perpetuando una tradizione rurale che è rimasta viva nel tempo. Di proprietà del Patriziato di Colla, l'apeggio è situato a 1.549 metri di altitudine. È raggiungibile in un'ora e mezzo di cammino dal villaggio di Colla. Costituito da pascoli e boschi, il territorio si estende su una superficie di 439 ettari; il secondo per importanza nella Valle del Cassarate, dopo quello di proprietà del Patriziato di Sonvico, che misura 567 ettari. Dalla chiesa di San Pietro, la strada agricola (sbarrata al traffico) sale fino ai Barchi di Colla; si prosegue lungo la mulattiera con un dislivello di circa 550 metri. Quest'anno l'Alpe di Pietarossa è caricato con 210 capre, 160 delle quali da mungere, 15 mucche da latte e 30 nutrici, 12 cavalli e 9 maiali. La stagione proseguirà fino al 28 settembre. Responsabile della gestione e della produzione dei latticini è Christian Signer di Bruzella, in valle di Muggio, dove gestisce un'azienda agricola. Lo assistono la compagna Noris, il fratello Alex, due collaboratori fissi e alcuni studenti che si alternano per un'esperienza di vita. Vasta la varietà dei prodotti trasformati dal latte di mucca e di capra: formaggella, formaggini di capra (büscion) e di mucca (robiole); da agosto, formaggio a pasta dura. Ogni sabato mattina Signer è con una bancarella al Maglio di Colla. I prodotti possono essere ordinati anche per telefono. All'alpe gli escursionisti possono gustare giornalmente piatti freddi (con prenotazione anche caldi) e acquistare il formaggio.

Giornate all'aria aperta

Tre gli appuntamenti attesi nel corso dell'estate a Pietrarossa: il Brunch del 1° agosto, con maialino allo spiedo e prodotti dell'azienda; domenica 18 agosto la festa dell'alpe con spezzatino, polenta e prodotti caseari; sabato 28 settembre la festa della transumanza. Come lo scorso anno, abbandonati i pascoli, il bestiame sfilerà davanti al centro per anziani l'Orizzonte a Colla, dove alcuni espositori allestiranno le bancarelle. Le famiglie e i gruppi interessati hanno la possibilità di vivere per un giorno la realtà dell'alpe, condividendo con il personale le diverse attività legate all'accudimento del bestiame, alla mungitura, alla lavorazione del latte e all'arte casearia. Per prenotazioni, informazioni, ordinazione dei prodotti telefonare allo 079 503 79 34 (Christian Signer).

Progetto per l'accesso stradale

Se Pietrarossa continua a essere caricato stagione dopo stagione il merito è anche del Patriziato di Colla, che si è sempre impegnato a mantenere in buono stato le strutture e cercare di offrire le condizioni ideali di lavoro. Recentemente ha fatto allestire un progetto per la sistemazione dell'accesso all'alpe. In questi giorni ha ottenuto la licenza edilizia da parte del Municipio di Lugano. L'ente presieduto da Joseph Moresi sta verificando la disponibilità dei sussidi federali e cantonali, come pure di altri sostegni finanziari per l'importante intervento, che andrà a beneficio anche degli escursionisti in particolare di coloro che utilizzano le mountain bike.

Condividi
su Facebook - su Twitter