Antichi ricordi

Ai tempi del Lando-basket

La società Lando-basket venne fondata nell'estate del 1975 dal proprietario del Bar Lando a Lugano, Luigi Raina, che fu pure presidente fino allo scioglimento. La sede sociale era lo stesso locale pubblico, sito in via Rinaldo Simen (dietro la chiesa della Madonnetta), mentre allenamenti e partite avevano luogo nella palestra del ginnasio di Agno. La squadra venne iscritta, nella stagione 1975/76, al campionato di seconda divi- sione. E subito vinse il campionato, con conseguente promozione in prima divisione nazionale. Negli anni successivi, per migliorare la qualità del gioco, giunsero a rinforzare la formazione alcuni giocatori provenienti da squadre più quotate: Angelo Sala (†), Mauro Micheli, Marco Frischknecht, Gabriele Moioli e Moghini. La partecipazione ai campionati nazionali di prima divisione videro il Lando-basket scontrarsi con parecchie squadre ticinesi (Rio Basket, Castagnola, Muraltese, Sam Massagno, Vacallo) e d'oltre Gottardo (Lucerna, Birsfelden, Zurigo, Baden), alcune delle quali assunsero in seguito notevole importanza nell'ambito della pallacanestro svizzera. L'avventura del Lando-basket durò quattro anni e si concluse al termine della stagione 1978/79.
Giorgio Conti

Nella fotogonnella, scattata alla fine del campionato di seconda divisione 1975/76 all'ex piazzale Milano (ora Paride Pelli), si riconoscono, in piedi da sinistra: Giuseppe Calì, Luigi Raina (presidente), Claudio Bertoletti (†), Giorgio Conti, Chris Schmid, Sergio Contadini (†), Luciano Gobbin, Raffaele Bino (†) e Adriano Pinchetti. Accosciati: Giancarlo Raina, Sergio Rezzonico, Massimo Raina, Danilo Fonti, Crivelli. (Mancano Mauro Bottani e l'allenatore Enzo Frischknecht).

Giorgio Gaber alla Rsi

C'è stato un periodo in cui attori e cantanti italiani erano di casa alla nostra Radiotelevisione. In questa immagine risalente al 1965 vediamo Giorgio Gaber (primo a destra) con alcuni componenti dell'allora compagnia di prosa della Rsi. Si riconoscono, da sinistra: Olga Peytrignet, Alberto Ruffini, Anna Maria Mion e Liliana Feldmann (fotogonnella).

Condividi
su Facebook - su Twitter